Le api sulle patatine fritte.

Metti una sera al McDonald, noi quattro. Metti la gioia incontenibile di Ciala e GioGiò ma anche della mammaquipresente perché, diciamocelo, il McDonald mette allegria, é studiato apposta per quello. Metti che stai assaporando il tuo paninozzo e per un pelo non ti strozzi perché credi di aver visto lei. E butti giù il boccone, poi ti giri di scatto per guardarla meglio e, cavolo!, sembra proprio lei! Metti che MaritoSingle viene a sedersi al tavolo con noi e tu gli fai notare che quella ragazza con quel codino biondo e quegli occhi celeste cielo e quel profilo sembra proprio lei e la bocca… e MaritoSingle non ti fa finire la frase e annuisce, confermandoti, che si, assomiglia proprio a lei. E tu passi la serata a seguire con lo sguardo la ragazza bionda che serve ai tavoli e provi un brivido ogni volta che ti guarda e devi reprimere quell’impulso irrefrenabile di alzarti e andare ad abbraccairla.  Cosi prendi il telefono in mano e, lo sai benissimo che non si fa!, fingi di scrivere un messaggio e catturi un breve video da mandare alla sua Mamy, ad IrenA ed a Mia e loro ti confermano che, oddio! sembra proprio lei. Ciala dice che é davvero la zia Anna Lisa, perché lei é un’ape adesso ma qualche volta si ritrasforma nella zia Anna Lisa per venire a salutarci.

E passi la serata a raccontare di lei, di quando una volta un senegalese bussò alla sua porta per venderle qualche oggettino inutile per guadagnarsi qualche spicciolo per andare a mangiare ed Anna Lisa gli presta cinquanta euro, perché aveva solo quelli. Perché lei é cosi ed il senegalese li accetta ma promette che tornerà a restutuirli. Passano i mesi ed il senegalese torna a bussare alla porta di Anna Lisa e ad aprire c’è la Mamy, perché Anna Lisa non c’e. E solo in quel momento la Mamy viene a conoscenza del gesto di sua figlia, pur conoscendo  perfettamente la generosità di cui era capace e in quel momento il senegalese comprende quanto sia stato fortunato quel giorno a bussare a quella porta. La Mamy trasformerà quel prestito in un dono. Perché, lei, come sua figlia, é cosi.

E ti accorgi che nel frattempo Ciala ha gli occhi pieni di lacrime ma sorride  e MaritoSingle ha giá smesso di guardarti negli occhi e accarezza la testa riccioluta di GioGiò che nel frattempo si é spazzolato tutte le patatine. E tu pensi che forse tua figlia ha ragione, che chi lo ha detto che alle api piaccia solo il miele e perché no, anche le patatine. E vai via ripensando a quello che ti ha detto IrenA: ora so dove trovarla.

Zzzzzzzzzz.

annastaccatolisa_foto

Annunci

11 pensieri su “Le api sulle patatine fritte.”

    1. Ciala la conosce Meg, anche se non ricorda nulla di lei. Aveva 4 mesi quando é si é trasformata in ape ma sa tutto di lei. Ed anche un pochino GiòGiò. MaritoSingle la porta nel cuore ma fa molta fatica a parlare di lei perché erano molto legati anche loro due.

      Mi piace

  1. mi sarebbe piaciuto conoscerla prima che si trasformasse in una dolce ape…grazie a lei ho la gioia di aver conosciuto te. Mi piace quando parli di lei, lei e´entrata nella mia vita in un momento di gioia, poi ho capito il perche´, grazie a lei ho affrontato situazioni che, prima di lei, non so se ci sarei riuscita. Grazie AleMagica

    Mi piace

    1. La cosa bella di Anna Lisa era che coltivava i rapporti con le persone che le si sono avvicinate attraverso il suo blog e la sua malattia e dava sempre, a tutti, un messaggio di speranza. Era la gioia in persona! E di un umorismo inaspettato… se le chiedevi: “Come va?”, ti rispondeva “A parte la salute, tutto bene!”.
      Sono felice che attraverso lei ci siamo conosciute io e te. Ps ma che magica! Maaaagari!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...