Due cosine.

Ieri, per me, é stata la vigilia di Natale. Era da tempo che non provavo quell’impazienza mista a gioia che provano i bambini la notte di Natale ed è stato bello tornare a provare queste emozioni. Da quando sono mamma, si sono succeduti numerosi Natali in cui non c’è stato nulla da scartare perché, si sa, questa é per eccellenza la festa dei bambini e, se non fosse che in questo blog sono io-io al cento per cento, ora mentirei dicendo che in realtà ho sempre sperato che da qualche parte ci fosse un pacchettino da scartare anche per me, magari nascosto sotto l’albero. Se mi sono chianata a guardarci sotto? Si, l’ho fatto, con la scusa di controllare che non fossero finiti la sotto i resti delle carte dei regali scartati dai nanetti.

Ieri, invece, attraverso le mani della mia mamma, ho potuto ricevere il mio dono di Natale in anticipo proveniente dalla Sicilia, la terra meravigliosa in cui vive Animabella, la mia migliore amica. Non é servito nessun corriere per farmelo recapitare qui: é stato un passaggio di mani. Dalle mani di Animabella alle mani della mia mamma ed infine nelle mie. Cosa ci faceva mia madre in Sicilia a novembre? Ci é passata per un solo giorno, durante un viaggio bellissimo che ha fatto con mio padre e non potevano andarsene via senza prima averla abbracciata. Il tutto é durato al massimo cinque minuti e non é stato affatto programmato, ma so che per Animabella e per i miei genitori é stato indimenticabile, cosi come é stato emozionante ricevere in diretta la telefonata mentre erano insieme.

“Ho dato due cosine a MammaFranca per te, qualcosa di mio come mi avevi chiesto tu!”.

In effetti, sapendo che si sarebbero viste, le ho chiesto di darle qualcosa di suo da poter tenere sempre con me, qualcosa tipo un bracciale, ma pure un paio di mutande, insomma, qualsiasi cosa, purché fosse suo-suo.

Le “due cosine” sono arrivate ieri, racchiuse in uno zainetto suo, che potrebbe servirmi per fare shopping. Quando ho aperto lo zaino, la prima cosa che ho fatto é stata infilarci il naso dentro: il profumo di Animabella é una delle cose più buone al mondo che io abbia mai sentito, insieme a quello di mia madre e dei miei figli. Profumano di casa. Con la mente l’ho rivista stretta a me, io e lei avvolte in un abbraccio prima che io lasciassi la Sicilia.

Il braccialetto c’era. Anche le mutande, rosse, da indossare a Capodanno. E c’erano anche due paia di orecchini, differenti nelle forme e nei colori, suoi. E una camicia a body, sua, bordeuax con una meravigliosa scollatura a barca per valorizzare le spalle. Ed una maglia ricamata, color panna, sua, che posso indossare, per esempio, con un jeans e sentirmi a mio agio. Ed un vestito stu-pen-do verde bosco con dei fiorellini delicatissimi, suo, che indosserò al prossimo compleanno del mio GioGiò. E un vestito in lana violetto, con un cinturone da stringere sotto al seno, suo, che valorizza il mio punto vita (?) ma questo non solo é bellissimo, é anche speciale, specialissimo, perché Animabella lo ha comprato insieme alla sua mamma. Quando ho visto quel vestito, d’istinto, mi sono detta che “no, cavolo, questo no…” .

“… e invece lo devi tenere, e lo devi indossare perché quel vestito é un ricordo di mia madre ed ha un valore affettivo enorme per me e, proprio per questo, voglio che sia tuo. E poi sono sicura che ti starà benissimo”.

Infine, due vestiti deliziosi per la mia Ciala perché figurati se non avesse pensato anche a lei.

Cosi, col cuore pieno di gratitudine, sono andata in camera da letto, ho aperto il mio armadio e ho messo via alcuni vestiti che tenevo lì, ma che non indossavo da tempo ed ho fatto spazio ai suoi. Ho realizzato attraverso quel gesto che l’amicizia, quella vera, quella che per me conta quanto l’amore, quella che lega me ed Animabella é anche questo: mettere via quella parte di me che aveva paura a legarsi, vuoi per ciò di cui la vita mi ha privato, vuoi per le batoste prese in fatto di amicizia e fare spazio a lei, alla sua folle allegria, alla sua sconfinata generosità, alla sua bellissima anima.

Grazie Animabella, solo grazie.

Ale tua.

P.s. una mutanda normale, no?

Annunci

8 pensieri su “Due cosine.”

  1. Che amicizia bellissima e profonda….
    Tanto , tanto cuore e…. follia, allegria,generosità, purezza….e due cosine, due cosine vere, che arrivano dritte al cuore.
    Un abbraccio.
    A.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...